Scuola Nazionale di drammaturgia

In Italia ci sono molte scuole per aspiranti registi, per aspiranti attori, per aspiranti scenografi, per aspiranti organizzatori teatrali, ma incredibilmente non ci sono scuole per aspiranti drammaturghi. Forse perché il nostro mondo teatrale non crede nella drammaturgia italiana e dà per scontato che non abbia niente da dare o da dire.

In effetti i pochi e coraggiosi scrittori di teatro in Italia si sono dovuti inventare delle compagnie proprie e spesso mettere in scena da soli i propri testi, proprio per una mancanza assoluta di richiesta di nuovi testi da parte del Teatro ufficiale.

Per queste ragioni, crediamo che la nascita di una scuola nazionale di drammaturgia, abbia avuto un valore anche simbolico.

Significa tornare a dare importanza alle parole, ai testi, alle storie, ai personaggi, per un teatro nazionale vivo ed originale che non si basi solo sulle traduzioni, che non dipenda servilmente dai successi stranieri (soprattutto americani) e non rifiuti una ricerca pratica e quotidiana sulla lingua del nostro paese.

Dacia Maraini
 

Laboratorio, stage, incontri su drammaturgia, regia, recitazione e clownerie 

Una scuola fra le montagne. Una scuola nel centro di un Parco antico e popoloso di animali selvatici. Una scuola itinerante che coinvolge diversi paesi, in rapporti di affinità e collaborazione fra di loro.
Proprio nel momento in cui nel nostro paese le scuole sono in disfatta, quasi che una nuova anarchia si innestasse nell'incuria di una cultura basata più sul mercato che sulla formazione, ci sentiamo orgogliosi di proporre una scuola di teatro che formi dei bravi professionisti di una grande arte legata al sapere parlare, al sapere analizzare la realtà, al sapere approfondire la memoria, al sapere discutere sui grandi temi del sociale.
Noi crediamo che la cultura sia necessaria al benessere di un paese, perché la cultura insegna a pensare e a capire, insegna a unire le diversità nel rispetto della più distanti identità. E crediamo che la scuola, non solo quella per i bambini, ma quella per gli adulti consapevoli, sia un luogo di incontri, di conoscenza, di approfondimento, di creazione.
Per questo, dopo diversi anni di una scuola unicamente rivolta alla drammaturgia, allarghiamo l'attenzione alla recitazione - è quello che ci chiedono i giovani - alla regia e alla bellissima arte del gioco che è la clownerie. Sapersi muovere, sapere comunicare anche attraverso un linguaggio visionario e danzante, significa imparare a entrare nel futuro col piede leggero e sicuro. Fra l'altro il gioco è legato alle regole. Non c'è gioco senza regole. E gioca meglio chi conosce a fondo le norme. Noi crediamo alle regole, non solo del piccolo gioco scenico, ma del grande gioco delle parti di pirandelliana memoria. Crediamo al lavoro collettivo, alla dialettica del pensiero, alla forza della memoria, alla progettazione generosa di un futuro migliore.

Dacia Maraini 

>> PROGRAMMA E ISCRIZIONE (Aggiornamento: iscrizioni aperte fino al 10 Dicembre 2011)

 

Sedi del corso:

Centro didattico “Teatro di Gioia” Sede Associazione Teatro di Gioia
Via Nazionale s.n.c Gioia dei Marsi AQ
E-mail: info@teatrodigioia.it.

Per informazioni:
Fiorella Graziani 347 6219167  e-mail: fiorellagraziani@tiscali.it
Eugenio Incarnati 347 5750384   e-mail eugenioincarnati@yahoo.it
Doriana Vovola 333 3546421